CAMPO DI MARGHERITE ED OLIVI

Studio di Monteripaldi (FI) 3-2009  cm.120×140

In attesa che le margherite appena tagliate, tornino nuovamente a rallegrare il campo, il lavora inizia. Il tavolo con il necessario  per dipingere è già stato “apparecchiato”.
Il pensiero della contadina è commovente: il vecchio cestino con i fiori di zucca.
In questo silenzio torna alla memoria lo scritto di G. Papini:

…Oltre ché a’ libri ed a’ morti debbo l’anima mia agli alberi ed a’ monti.
La campagna mi educò quanto la biblioteca. Una certa e determinata campagna: tutto quello che c’è di poetico, di malinconico, di grigio e di solitario in me, l’ho avuto dalla campagna di Toscana, dalla campagna ch’è intorno a Firenze…

UN UOMO FINITO                                    GIOVANNI PAPINI
Foto L.F. 2009